HomeCronacaPachino: il pachinese Davide, in pulmino, va a riprendere la sua amata Natalia al confine tra la Polonia e l’Ucraina

Pachino: il pachinese Davide, in pulmino, va a riprendere la sua amata Natalia al confine tra la Polonia e l’Ucraina

Neanche la guerra ha fermato l’amore tra Natalia e Davide Di Pietro: quest’ultimo è andato a prendere la sua amata, con un pulmino, al confine tra Polonia e Ucraina, per salvarla dalla guerra. Lui 48enne pachinese, lei 40enne ucraina, madre di 2 bambini: Natalia e Davide sono fidanzati da circa un anno, e avevano deciso di andare a convivere a breve. La donna infatti aveva acquistato i biglietti aerei di solo andata per la Sicilia, e sarebbe atterrata insieme ai suoi bambini il 20 marzo, ma la guerra non ha reso possibile l’incoronazione di tale sogno. Purtroppo le bombe su kiev hanno distrutto la casa di Natalia. Fortunatamente la donna e i bambini sono stati evacuati e Davide, senza pensarci troppo, è salito sul pulmino insieme al collega Edoardo Nielfi ed è partito immediatamente alla volta di Leopoli.

“Quando ho capito che la vita della donna che amo era in pericolo ho preso il pulmino e grazie agli aiuti dell’azienda Acqua Azzurra riuscirò a raggiungere il confine tra Polonia e Ucraina, dove incontrerò la mia compagna e i suoi figli” afferma l’uomo. Inoltre le utenze ucraine sono controllate dai droni, pertanto non è stato semplice per Davide e Natalia comunicare: quest’ultima chiama Davide solo quando è sicura di non essere intercettata e scoperta.

Davide è arrivato al confine ieri sera, dove ha potuto riabbracciare la donna amata e i suoi figli. Inoltre, il cuore d’oro di quest’uomo gli ha permesso non solo di salvare la donna amata e i suoi figli dalla guerra, ma anche quella di altre persone, in quanto ha accolto nel suo pulmino un’altra donna e i suoi bambini. A Pachino infatti è già partita una gara di solidarietà per accogliere gli ucraini che arriveranno in città grazie a Davide.

Pachino: i responsab
Pachino: il Comune a

camnewsinfo@gmail.com

Valuta quest'articolo:
NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO