HomeCronacaSicurezza a Marzamemi, la riunione con il Prefetto: necessaria cooperazione tra pubblico e privato per il bene comune

Sicurezza a Marzamemi, la riunione con il Prefetto: necessaria cooperazione tra pubblico e privato per il bene comune

A seguito delle violente liti che si sono verificate a Marzamemi nell’ultimo periodo, lunedì 2 maggio si è tenuta in Prefettura a Siracusa una riunione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduta dal prefetto Giusi Scaduto, in cui erano presenti all’incontro il sindaco di Pachino, il questore e i comandanti provinciali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.

Si è preso atto che i responsabili di tali episodi sono stati individuati e denunciati, procedendo quindi ad una verifica congiunta sulle misure da adottare, al fine di garantire il pacifico svolgimento dei diritti di ciascun cittadino.

Il prefetto ha annunciato che chiederà la collaborazione delle associazioni datoriali per mettere a punto uno schema di regolamentazione degli orari di somministrazione di bevande alcooliche e delle modalità di svolgimento degli intrattenimenti musicali, che preveda sanzioni adeguate in caso di violazioni.   

A margine della riunione è stato ricevuto il presidente di Confcommercio Siracusa, che ha assicurato il sostegno della categoria per tutte le iniziative idonee a garantire una cornice di sicurezza e il contrasto a tutte quelle forme di illegalità che danneggiano il territorio e il settore del commercio.

«L’obiettivo comune – ha dichiarato il prefetto in chiusura – non può e non deve essere quello di militarizzare il territorio, né di spostare le criticità da un’area all’altra della provincia. Un’azione coordinata e condivisa del pubblico e del privato ha come traguardo ultimo un’offerta di qualità per residenti e turisti, la prevenzione di fatti che suscitano allarme sociale e la partecipazione attiva degli operatori economici alla sicurezza urbana, quale bene comune irrinunciabile».

Pachino: dubbi sul s
Pachino e Marzamemi:

camnewsinfo@gmail.com

Valuta quest'articolo:
NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO