_
pubbl
nastasi Noemi Agnello Noemi Agnello Noemi Agnello Idrosanitari Misseri tiche pit stop chiccolandia Hotel Celeste sicily calamaro opticale Studio Tossani Patrizia rigeneral_world Onoranze Funebri Giorgio Di Gabriele

Torna alla lista delle news


Pubblicità


Treni storici sulla vecchia linea ferroviaria Noto - Pachino: l'ok del Senato.

A darne notizia il deputato ARS Pippo Gennuso.

Pubblicato il 04/08/2017

Treni storici sulla vecchia linea ferroviaria Noto - Pachino: l'ok del Senato.

"La Noto - Pachino entra nella tratta per le ferrovie turistiche. Sull'attuale linea dismessa torneranno a circolare i treni storici." A darne notizia è il deputato all'Ars del Gruppo Pid - Grande Sud, Pippo Gennuso, dopo l'approvazione da parte del Senato del disegno di legge che riguarda 18 linee in tutta Italia. "Da Palazzo Madama è arrivata la bellissima notizia che attendavamo da parecchio tempo - afferma Gennuso - . Si tratta del reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissione situate in aree di particolare pregio naturalistico o archeologico, così come la Noto - Pachino che attraversa la Riserva di Vendicari dove si può ammirare un paesaggio mozzafiato. Una legge che ho sempre sollecitato ai parlamentari nazionali di riferimento. Vorrei anche dire che questa legge non ha avuto oppositori ed è stata approvata all'unanimità. Per noi siciliani del Sud est è un motivo di orgoglio e voglio ricordare che su diciotto siti italiani, soltanto 4 riguardano la Sicilia come Alcantara-Randazzo, Castelvetrano-Porto Palo di Menfi e Agrigento Bassa-Porto Empedocle". Per il deputato di Rosolini la riqualificazione della Noto - Pachino è una grossa opportunità anche dal punto di vista occupazionale e spiega i motivi. "Nella nuova legge si specifica che nella gestione dei tratti di ferrovia interessati possono essere coinvolte associazioni e organizzazioni di volontariato operanti nei settori ferroviario, turistico, culturale e ambientale, come già peraltro succede spesso per molte delle linee individuate. E la legge prevede anche la possibilità, evitando ovviamente ogni forma di promiscuità con la circolazione dei treni, che sulle linee ferroviarie dismesse o sospese possano circolare i cosiddetti ferrocicli, vale a dire veicoli a pedalata naturale o assistita su rotaia. La mia attenzione - conclude Gennuso - è sui tempi per la realizzazione dell'opera". Foto a scopo illustrativo.


Torna alla lista delle news


Pubblicità