_
pubbl
Studio Tossani Patrizia nastasi chiccolandia opticale rigeneral_world Idrosanitari Misseri Hotel Celeste Onoranze Funebri Giorgio Di Gabriele tiche

Torna alla lista delle news


Pubblicità


Lesioni personali e violenza privata: denunciati 3 di Pachino.

In azione gli agenti della Polizia di Stato del commissariato di via Tafuri.

Pubblicato il 13/10/2017

Lesioni personali e violenza privata: denunciati 3 di Pachino.

Tratto da www.ifattidisiracusa.it - FONTE QUI. Agenti di polizia hanno denunciato D.M.S., di 61 anni, P.C. di 29 anni e P.L. di 63 anni, residenti a Pachino, per i reati di lesioni personali e violenza privata. La vittima, un uomo di 36 anni, aveva convissuto more uxorio dal 2016 in poi con una donna prima a Noto e poi a Pachino presso la residenza dei suoceri. La convivenza in casa dei suoceri, risultava da subito alquanto difficile. Benché l’uomo cercasse di contribuire all’economia familiare eseguendo anche dei lavori di ristrutturazione nella casa dei suoceri, questi ultimi non perdevano occasione per creargli dei problemi. L’uomo, addirittura, in un’occasione veniva malmenato dal suocero e cacciato di casa. Dopo la nascita di un bambino, l’uomo tentava di appianare le controversie interne ma invano. I suoceri, infatti, e la convivente assumevano un atteggiamento di chiusura nei suoi confronti impedendogli di vedere il figlio e di esercitare il ruolo di padre. Dopo gli accertamenti di rito, convocati in ufficio i tre venivano denunciati per lesioni e violenza privata in concorso. Sempre nella serata di ieri, infine gli Agenti del Commissariato, hanno denunciato, in stato di libertà, M.S.F. netina di 26 anni, per il reato di danneggiamento ed invasione di edifici. I fatti risalgono alla metà di settembre quando su segnalazione di un utente gli Agenti si recavano in via Fornaciari per l’occupazione di un immobile. Sul posto gli operatori verificavano la presenza di una donna che, dopo aver forzato la porta d’ingresso di un appartamento dell’Istituto autonomo case popolari, il cui precedente inquilino era deceduto, vi si era introdotta unitamente alla figlia minore. L’occupazione era conseguenza, a suo dire, di una lite col marito. La donna veniva denunciata per danneggiamento e invasione di edifici.


Torna alla lista delle news


Pubblicità