_
PachinoCamNews
Hotel Celeste opticale
mordi_e_gusta Vendicari Holiday Casa vacanze
Studio Tossani Patrizia rigeneral_world
baywatch

Torna alla lista delle news


Pubblicità


Marocchino si intrufola in una casa di Pachino per violentare una donna.

Il tempestivo intervento dei Carabinieri di Noto ha evitato il peggio.

Pubblicato il 06/05/2018

Marocchino si intrufola in una casa di Pachino per violentare una donna.

I carabinieri del nucleo Radiomobile di Noto hanno tratto in arresto in flagranza dei reati di violazione di domicilio, tentata violenza sessuale, lesioni, resistenza e violenza a pubblico ufficiale il 39enne marocchino Farid Larhfiri. Secondo la ricostruzione dei militari, era piena notte quando una donna polacca, con voce rotta dal pianto ed in evidente stato di agitazione, ha contattato il numero di emergenza 112 richiedendo l’intervento di una pattuglia, riferendo di essere stata molestata da un uomo che si era introdotto in casa sua. Sul posto è giunta immediatamente una pattuglia dei carabinieri, che, dopo essersi assicurati delle condizioni di salute della donna, hanno bloccato l’uomo, in evidente stato di alterazione, il quale, alla vista dei militari, non avrebbe esitato a scagliarsi contro di loro.I carabinieri rendono noto altresì che la donna ha raccontato che l’uomo avrebbe insistentemente bussato alla sua porta al fine di farsi aprire e, avuto accesso all’abitazione, avrebbe bloccato la donna, strattonandola diverse volte, per poi palpeggiarla e portarla in camera da letto. Riuscita a liberarsi dalla morsa dell’aggressore, la donna ha immediatamente chiamato i carabinieri che, prontamente intervenuti, lo hanno tradotto in caserma per gli accertamenti del caso.Dopo aver tranquillizzato la donna ed averla condotta al pronto soccorso dell’ospedale di Noto, ove è stata visitata per le contusioni e le escoriazioni riportate nell’occorso, i carabinieri hanno raccolto la deposizione della donna per poi dichiarare il Larhfiri in stato di arresto. Il 39enne marocchino è stato infine tradotto presso la casa circondariale di Cavadonna, a disposizione dell’Autorità giudiziaria procedente.Fonte gazzettasiracusana.it, foto tratta da google.


Torna alla lista delle news


Pubblicità