_
PachinoCamNews
gozzo rigeneral_world
baywatch raggio_verde
martorino_gomme Hotel Celeste
giliberto_auto cutrona
opticale humanitas
alsolitoposto SORTINO_DOTTORE
pizza_express lerbadelvicino
Studio Tossani Patrizia

Torna alla lista delle news


Pubblicità


Deceduta assieme al figlio mentre partoriva: il padre scrive a Matteo Salvini.

La tragica storia che ha sconvolto la comunità di Pachino nel Giugno del 2016.

Pubblicato il 05/01/2019

Deceduta assieme al figlio mentre partoriva: il padre scrive a Matteo Salvini.

Il segretario del Circolo della Lega Pachino Giordano Di Raimondo Metallo sempre a sostegno di chi lotta per i cittadini. “Oggi a sostegno di Giuseppe Di Fede, attivissimo sostenitore del Circolo Lega, il quale scrive a Matteo Salvini, consegnando una missiva al coordinatore provinciale, Leandro Impelluso, per avere supporto nella battaglia contro la mala sanità siciliana, che ha visto vittima la propria figlia deceduta il giorno del parto presso l’ospedale Maggiore di Modica nel Giugno 2016” lo afferma lo stesso Giordano Di Raimondo Metallo. “Carissimo Matteo Salvini, mi rivolgo a te per essere aiutato, tenendo alta l’attenzione sul tema della certezza del diritto, nell’indagine sulla morte di nostra figlia, che potrebbe andare archiviata. Ci siamo visti a Pachino in prossimità delle scorse elezioni quando ti consegnai la documentazione comprovante che mia figlia godeva di buona salute prima del decesso in ospedale. Le indagini per omicidio colposo sono state fatte oggetto di richiesta di archiviazione a cui ci siamo opposti, ma temiamo che i giudici arrivino ugualmente ad archiviare il caso per non mettere alla luce che negli ospedali qualche volta si risparmia facendo rischiare la pelle alle donne partorienti evitando parti Cesarei necessari. E’ per questo che ci rivolgiamo a te riconoscendone il grande cuore per la tua gente. Il nostro desiderio è quello di poter far valere le nostre ragioni attraverso un regolare processo, e siamo certi sia anche desiderio di questo nuovo governo, che in Sicilia, oltre alla sanità funzioni anche la giustizia. In quel periodo il ministro Lorenzin richiese il sequestro degli Atti Sanitari e cartelle ospedaliere, poi non si seppe piu’ nulla. Abbiamo diverse perizie tecnico Legali che proverebbero che il quel caso andava praticato il cesareo. La nostra battaglia diventa la battaglia di tutti quanti giornalmente rischiano la vita negli ospedali ogni volta che i tagli alla sanità diventano un risparmio sulla pelle dei pazienti, e per questo che ci rivolgiamo con fiducia al Ministro Salvini” lo scrive in una lettera Giuseppe Di Fede (nella foto) . Sicilia Leghista si associa alla battaglia per la verità del signor Di Fede, questi genitori hanno il diritto di sapere. Fonte: sicilialeghista.wordpress.com


Torna alla lista delle news


Pubblicità