_
PachinoCamNews
pachino

Torna alla lista delle news


Pubblicità


Indennità per l'ex Sindaco Mirarchi: le precisazioni.

Comunicato a firma dell'ex Sindaco di Portopalo di C.P., oggi consigliere comunale.

Pubblicato il 14/01/2019

Indennità per l'ex Sindaco Mirarchi: le precisazioni.

"Mi preme dire che fino ad oggi il sottoscritto non ha mai percepito alcuna indennità di fine mandato in relazione al fatto di essere stato Sindaco del Comune di Portopalo di Capo Passero (SR), periodo maggio 2014/marzo 2018." Inizia così il comunicato dell'ex Sindaco di Portopalo di C.P, oggi consigliere comunale. "L’importo lordo pari ad euro 9 mila e rotte è quanto l’Ufficio Ragioneria ha calcolato sulla base di una norma di legge, che andava inserito nel documento del bilancio economico del 2018, approvato poi in Consiglio Comunale. L’indennità, voglio ancora ribadire, viene retribuita in base ad una norma di legge e verrà liquidata al sottoscritto, non appena l’Ente Comune lo riterrà opportuno, nel rispetto delle esigenze economico-finanziario dello stesso Ente. Non esiste agli atti alcuna richiesta di sollecito” liquidazione” da parte del sottoscritto. Necessita approfondire e portare a conoscenza dell’opinione pubblica che dell’importo sopra detto, pari ad euro 9.000 e rotte, soltanto 3 mila e cinquecento euro circa verranno materialmente, per effetto delle ritenute fiscali, liquidate al sottoscritto (quando il Comune lo riterrà opportuno). Relativamente ad altre notizie apparse di frequente sullo stesso quotidiano “ LA SICILIA”, dove il sottoscritto sembrerebbe essere il fautore del default del Comune, chiedo maggiore chiarezza ed obiettività circa la reale situazione economica prima, durante e dopo il mio mandato da sindaco, nulla temendo, e assicurando di continuare a camminare a testa alta e di sentirmi tranquillo. Per nulla indebolito, pertanto, considero gli attacchi che mi vengono sferrati come un fiume che, per sua paradossale natura mi scorre addosso, mi attraversa, ma non mi bagna mai. Iddio permettendo, ci rivedremo nel 2023, se non prima. Quanto sopra al fine di evitare di provocare un continuo scollamento che falsa la percezione dei fatti e impedisce quel libero confronto di idee che connota una sana democrazia e una pluralità di informazione. Ringraziando, cordiali saluti." Giuseppe Ferdinando Mirarchi.


Torna alla lista delle news


Pubblicità