_
PachinoCamNews
pachino

Torna alla lista delle news


Pubblicità


Circolo Lega Salvini Premier Pachino accende il faro sulla città.

Tanti i temi toccati nella riunione di lunedì scorso a Pachino.

Pubblicato il 16/01/2019

Circolo Lega Salvini Premier Pachino accende il faro sulla città.

Seduta del 14/01/19 - In data odierna il Circolo si è riunito in assemblea per discutere dei principali temi di politica locale e problemi riguardanti la città. Il primo punto trattato in assemblea ha riguardato il tema della sicurezza e la vivibilità di Pachino, per chi ivi risiede, lavora o possiede un attività. In questi anni si sono registrati numerosi e allarmanti spiacevoli eventi delittuosi nella nostra comunità: furti, incendi, estorsioni, rapine in casa, recenti fatti di rapine ad anziani con sequestri di persona, violenza familiare, attentati intimidatori e non solo e numerose avvisaglie di degrado sociale e urbano sia nelle periferie, in zona Tre Colli, ma soprattutto nel centro storico e i quartieri vicini alla Piazza Centrale. Discutendo del degrado salta fuori il discorso di ordinanze non fatte rispettare sul decoro urbano e la vendita di alcolici in bottiglia, il bivacco di ubriaconi davanti ai locali, il continuo passaggio di pregiudicati e ritrovo di delinquenti abituali presso i luoghi che una volta rappresentavano il cuore pulsante del paese e poi clandestini, nullafacenti, pericolosi malati psichici, italiani e non, per cui sarebbe auspicabile un maggiore intervento anche delle forze di polizia locale. Si e’ proposto di produrre un documento da proporre alla città, per informare sia la Prefettura che il Ministero dell’ interno delle condizioni in cui siamo costretti a vivere e lavorare quotidianamente. E’ in programma l’organizzazione di Gazebo informativi per raccogliere le istanze dei cittadini sul delicato tema della sicurezza e del decoro urbano, in vista di una programmazione di rilancio per la città e dell'economia locale. Il secondo tema che è stato analizzato è quello dei rifiuti solidi urbani. Nella nostra città il sistema di Differenziata ‘’Porta a Porta’’ stenta ad ottenere un effetto ottimale e si riscontra il fenomeno dei rifiuti abbandonati nelle periferie e nelle contrade. Si è discusso sulla necessita di una maggiore sensibilizzazione dei cittadini, ben riconoscendo che il servizio di raccolta andrebbe svolto più minuziosamente, con spazzatrici, isole ecologiche, contenitori e tutti quei mezzi che vengono utilizzati in altri comuni per rendere agevole la raccolta e l’igiene urbana, mantenendo la città nel dovuto decoro. Alcune idee sono state lanciate in merito all’opportunità di reinserire i cassonetti nei quartieri più degradati e maggiormente occupati da nuclei familiari di stranieri e nelle periferie più sporche per non gravare il sistema di raccolta della pulizia straordinaria presso le numerose discariche abusive ai margini stradali. Bisogna riconoscere l’ostacolo principale al raggiungimento di un risultato ottimale che è l’esistenza il loco, oltre ad un alto numero di famiglie disagiate e disadattate, di circa cinquemila nuclei familiari ‘’diversamente integrati’’ che ben disconoscono il concetto di differenziazione dei rifiuti, di contribuzione al pagamento della tassa sulla raccolta e di doveri verso la comunità in cui si vive o di cui si è ospiti. Enorme è il problema di un canone decisamente alto del costo del servizio per le famiglie, cifre in bolletta improponibili in una città caratterizzata da un economia precaria e lungi dal venir fuori dalla crisi economica che ha colpito da parecchio tempo il nostro territorio. Da ciò nasce la volontà del Circolo Lega Salvini Premier nel diventare propositivi coinvolgendo tutti i nostri concittadini , di fronte alla necessità di trovare soluzioni che possano affrontare i vari problemi economici e sociali spesso concatenati tra di loro.


Torna alla lista delle news


Pubblicità