Pachino: l’allarme di Borgo Sostenibile per le contrade balneari dimenticate e la sicurezza pubblica e stradale

1627

Pasqua, 25 Aprile, Primo Maggio, ma soprattutto la stagione estiva, sono dietro le porte. Si attende pertanto l’incremento dei flussi turistici, ma a Pachino c’è preoccupazione per le contrade balneari trascurate e per la sicurezza stradale che minacciano di compromettere la stagione turistica.

L’associazione Borgo Sostenibile pertanto ha lanciato un allarme: Enzo Ferrara ha sottolineato l’importanza di questa fase dell’anno per il territorio pachinese e ha richiesto interventi a breve e lungo termine per garantire la sicurezza delle strade e delle spiagge, la raccolta dei rifiuti e la cura del verde pubblico.

In particolare, Ferrara ha citato le contrade San Lorenzo, Reitani, Bove Marino e Spinazza, chiedendo all’amministrazione comunale di Noto di fornire informazioni dettagliate sulla programmazione della stagione estiva e sui servizi ordinari previsti. Tra le criticità elencate dall’associazione, vi sono la necessità di mettere in sicurezza la seconda e la terza strada degli ingressi in spiaggia, il ripristino del rifacimento dei tratti del manto stradale di Fondo Morte e Spinazza e l’organizzazione della raccolta rifiuti con le isole ecologiche mobili.

L’associazione ha anche sollevato la questione della situazione pericolosa di alcune arterie del territorio, come la Pachino-Marzamemi, in cui si sono verificati diversi incidenti. E’ stata chiesto pertanto di intervenire in maniera immediata per garantire la messa in sicurezza di questi tratti stradali.

Inoltre Borgo Sostenibile ha invitato l’amministrazione comunale a un incontro per discutere la situazione e informare la comunità sui progetti futuri per il territorio di Pachino.

Nel corso degli ultimi anni, la comunità di Borgo Sostenibile ha visto il degrado del proprio territorio peggiorare a dismisura. Dopo l’incendio che ha colpito l’Isola Ecologica ai Tre Colli lo scorso 13 marzo, l’associazione lancia un appello anche per richiedere un maggiore controllo del territorio e la fine dell’impunità dei responsabili di questi atti vandalici. “Nulla cambia, servizi non funzionali, illegalità dilagante, 2 isole ecologiche incendiate, salute pubblica sempre più precaria, sperpero di denaro pubblico” affermano i rappresentanti dell’associazione. “La situazione è insostenibile e il degrado del nostro territorio sta arrivando a livelli intollerabili.”

Borgo Sostenibile chiede alle autorità di aumentare i controlli del territorio, di trovare e punire i responsabili degli incendi e di garantire la sicurezza delle isole ecologiche rimaste, sperando che questo appello possa sensibilizzare la comunità e le autorità locali sulla necessità di agire per la difesa del territorio e per la salvaguardia dell’ambiente.

“La città ha bisogno di un cambiamento”, affermano i rappresentanti dell’associazione. “Non possiamo più permetterci di assistere impotenti alla distruzione del nostro patrimonio ambientale e culturale. Chiediamo il rispetto delle regole e la fine dell’impunità per chi distrugge il nostro territorio.”