mercoledì, Aprile 24, 2024
HomeCronacaPROCESSATI CINQUE PACHINESI

PROCESSATI CINQUE PACHINESI

Si è celebrato davanti al Tribunale collegiale di Siracusa il processo a carico dei fratelli
pachinesi G.V. ed A.V., rispettivamente di 37 e 31 anni, imputati in concorso con il
trentaduenne I.I. , di lesioni aggravate, estorsione tentata ed estorsione consumata.
I fatti risalivano al gennaio del 2013.
In una prima occasione i tre, in concorso con due minorenni, si erano resi protagonisti di
una violenta lite, nel corso della quale alcuni degli avversari avevano riportato lesioni, tra
cui una frattura al braccio, con prognosi di 45 giorni.
Qualche giorno dopo i tre imputati avevano accompagnato un altro soggetto ( oggi
deceduto ), che entrato nell’esercizio commerciale della famiglia con cui si era verificata la
lite, aveva chiesto il risarcimento del danno subito dall’autovettura dei figli ed il
pagamento di una multa relativa alla stessa autovettura, sequestrata dai carabinieri perché
priva di copertura assicurativa. A seguito della richiesta, le persone offese compravano una
nuova autovettura e la consegnavano agli imputati ( da qui, l’estorsione consumata ),
mentre non veniva accolta la richiesta di pagare la multa.
Il P.M. chiedeva la condanna degli imputati a quattro anni di reclusione.
L’avv. Luigi CARUSO VERSO ( difensore di G.V. ed I.I.) e l’avvocatessa Ornella
BURGARETTA ( difensore di A.V.), sostenevano che non ci fosse alcuna prova della
consapevolezza delle richieste fatte dal padre dei due fratelli alla parte offesa, dato che la
conversazione si era svolta all’interno dell’esercizio commerciale, mentre i giovani ne
erano rimasti fuori. Chiedevano, inoltre, l’assoluzione per le lesioni.
Il Tribunale ha assolto i tre dalle estorsioni ed ha dichiarato prescritti i reati di lesioni
aggravate .
Con la stessa sentenza sono stati prosciolti altri due pachinesi, un sessantacinquenne ed un
trentaquattrenne, entrambi difesi dall’avv. Luigi CARUSO VERSO.
Per i due, accusati di spaccio di sostanze stupefacenti, il P.M. aveva richiesto la condanna a
due anni di reclusione.
L’avv. Luigi CARUSO VERSO ha sostenuto l’insussistenza dei fatti e, subordinatamente,
che gli stessi venissero qualificati di lieve entità e quindi prescritti, trattandosi di episodi
che si sarebbero verificati nel lontano 2013.
Il Tribunale ha accolto i rilievi del penalista ed ha dichiarato estinti per avvenuta
prescrizione i reati contestati ad entrambi gli imputati.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Advertisingspot_img

Popular posts

My favorites

I'm social

0FansLike
0FollowersFollow
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe