Pachino, il movimento “Andiamo avanti Pachino”: i problemi nella città stanno aumentando, amministrazione comunale giunta al capolinea

1265

Il portavoce Roberto Arangio e i consiglieri comunali Angelo Pantoni e Sebastiano Gabeli, appartenenti al movimento “Andiamo avanti Pachino” commentano le dimissioni dell’assessore Avolese e le vicende dell’amministrazione comunale probabilmente giunta al capolinea.

“Con le dimissioni di un altro assessore, siamo a 14 assessori cambiati in 15 mesi.

È chiaro che il progetto politico del Sindaco Petralito è stato un disastro; ora i problemi nella città stanno solo aumentando: si attende un’estate drammatica per non parlare dell’acqua mancante, rete idrica e fognaria colabrodo, strade dissestate, viabilità allo sbando, ufficio tributi inesistente, contrade abbandonate e assenza di iniziative per i giovani. Tutti argomenti su cui avevamo chiesto una riflessione e proposto soluzioni come testimoniano le decine di atti presentati per iscritto e a cui mai è seguita una risposta, atteggiamento, questo, che ci ha portati all’opposizione. E tra tutti i problemi elencati  ce n’è uno che lascia sgomenti: ci sono persino gruppi politici di maggioranza, con rappresentanti in giunta, che stanno pianificando di sfiduciare il sindaco ad ottobre e di toglierle l’appoggio in estate. Non ne fanno mistero, tanto da aver avviato strambi giri di “consultazioni politiche” al fine di “cominciare a creare le condizioni” in previsione di una mozione di sfiducia in Autunno. Ma perché non lo dicono apertamente? Invece si nascondono nelle segrete stanze, rendendosi corresponsabili del declino, con il favore di “duri e puri” gruppi dell’opposizione solo sulla carta che, invece, sono organici all’amministrazione sia all’interno degli uffici che, talvolta, in Consiglio Comunale

I cittadini meritano trasparenza e di sapere che il Sindaco è già sfiduciato nei fatti, anche se Lei stessa sembra non accorgersene, forse disattenta. Disattenzione che sembra avere anche in relazione alle gravi inadempienze durante la sua gestione: basti pensare agli interventi sulla pianificazione territoriale per cui, attraverso atti provenienti dal Sindaco o dall’Amministrazione, si interrompono pratiche edilizie private; basti pensare, in ultimo, alla gestione dei servizi sociali scollegata dalle linee guida del Distretto di Noto, le cui risorse non vengono utilizzate dal nostro Comune a discapito del bilancio comunale sempre più in rosso. Se si tratta di disattenzione o altro, non spetta a noi stabilirlo. Basta con questa commedia: la Prof.ssa Petralito prenda finalmente atto della situazione e si dimetta. È da poco trascorso San Valentino, la festa degli innamorati, ma i protagonisti di quest’amministrazione sembrano non avere alcun amore per la città. Lo abbia il Sindaco: lasci la sua posizione e permetta a qualcuno di più capace di prendere il controllo. I cittadini meritano di meglio e noi non ci arrenderemo”.